06-10-2017

George Messaritakis: MadeInBerlin

George Messaritakis,

Berlino, Germania,

Fotografia

Con MadeInBerlin, George Messaritakis ci descrive l’architettura contemporanea di Berlino attraverso la sua personale prospettiva di fotografo.



George Messaritakis: MadeInBerlin Con MadeInBerlin, George Messaritakis ci descrive l’architettura contemporanea di Berlino attraverso la sua personale prospettiva di fotografo. 


Lo scopo di George Messaritakis non è quello di fare un reportage su Berlino, ma di dare una lettura della città attraverso il filtro della propria sensibilità di fotografo. Il forte contrasto tra luci e ombre, infatti, spoglia questi edifici del loro significato, e li pone al centro del progetto fotografico per le loro qualità visive, per le geometrie e per gli equilibri tra pieni e vuoti. 
Il lavoro si è svolto in più fasi. Rimasto stregato dall’architettura contemporanea di Berlino, Messaritakis inizia a interessarsi alle trasformazioni della città avvenute dopo il crollo del muro nel 1989. Il confronto con fotografie storiche e la ricerca approfondita sugli interventi di architettura in tutta la città sono stati solo l’inizio di questo progetto. 
Dopo questo primo step, il fotografo ha visitato più volte, durante l’anno e a diverse ore del giorno, le architetture più note che caratterizzano Berlino e la sua nuova immagine post-crollo. Quelle che gli hanno trasmesso più emozione di altre sono diventate i “soggetti” finali del suo progetto. 
Il passo successivo è stato lo scatto vero e proprio delle fotografie che compongono MadeInBerlin. L’utilizzo di una macchina fotografica analogica, con rullino in bianco e nero, ha permesso a Messaritakis di concentrarsi sullo studio delle inquadrature. Se da un lato i soggetti delle fotografie sono le caratteristiche costruttive dei diversi edifici, dall’altro la composizione è studiata per evidenziare gli aspetti più formali e astratti dell’architettura. 
Con MadeInBerlin, non assistiamo solo ad una personale interpretazione di una città complessa come Berlino, ma anche  all’espressione di una intensa libertà artistica, lontana anni luce dal format di documentario a cui siamo sempre più abituati.  E’ con questa sovrapposizione di oggettività e soggettività, di ordine e tensione, che la firma di George Messaritakis lascia il segno. 

Barbara Esposito

Sito: http://gmessaritakis.com

GALLERY



Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy