05-12-2016

Luca Gnizio Eco-social designer a FAB Milano

Paolo Schianchi,

Milano,

News

FAB Architectural Bureau, lo spazio espositivo e showroom dei brand Fiandre e Porcelaingres, ha ospitato l'ultimo evento della rassegna OneNight curata dal team di Floornature. Le lastre ceramiche GranitiFiandre sono diventate per una sera i piedistalli espositivi per le opere dell'eco-social designer Luca Gnizio, protagonista della serata.



Luca Gnizio Eco-social designer a FAB Milano

Per l'ultima OneNight, curata dal team di Floornature, il FAB Architectural Bureau di Milano ha presentato al suo pubblico un allestimento caratterizzato da pochi e significativi elementi: piedistalli realizzati con le lastre ceramiche GranitiFiandre e sospeso al soffitto un importante elemento illuminante costituito da luci puntiformi, per valorizzare al massimo le opere esposte dell'eco-social designer Luca Gnizio.

Lo spazio espositivo e showroom dei brand Fiandre e Porcelaingres ha accolto infatti una selezione di oggetti disegnati da Luca Gnizio tra cui la poltrona Fordesert, uno scheletro di piattine di ferro ricoperto dai filamenti di nylon per pneumatico. Un'opera che simboleggia anche una protesta contro la progressiva desertificazione della Terra e che ha catalizzato l'attenzione dei visitatori.
In mostra, sospesi al soffitto del FAB i campioni di tessuti in fibra di carbonio riciclata usati per realizzare la poltrona Escape per BMW. Pensato sempre per la casa automobilistica tedesca, Luca Gnizio ha presentato in anteprima per l'Italia e per il pubblico di FAB un materiale in corso di sperimentazione "ForChrystalsoul". L'inclusione della fibra di carbonio riciclata nel cristallo per creare effetti di trasparenza ed effetti specchianti, un prodotto che nasce con un processo industriale ma che per la natura del tessuto restituisce pezzi unici come i lavabi-ciotola o i ferma carte esposti in FAB.

Nel corso dell'incontro con Paolo Schianchi, direttore editoriale di Floornature, e Antonio Mancinelli, caporedattore di Marie Claire, è emersa la filosofia progettuale di Luca Gnizio: recuperare prodotti di scarto e senza richiedere ulteriori lavorazioni all'azienda dare nuova vita a questi “rifiuti preziosi” (R. Dalisi) creando manufatti innovativi realizzati in collaborazione con associazioni di persone svantaggiate, rispondendo quindi anche alla crescente esigenza di un design etico e consapevole e non solo a ridotto impatto ambientale.

(Agnese Bifulco)


GALLERY


Il nostro sito web utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione.
Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l’abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra
Cookie Policy